La scuola è finita!

09.06.2017

"Lettera aperta ai miei studenti... e non solo!"

La scuola è finita!

Sì. Lo è. Per quest'anno, almeno. Oppure per sempre?

La scuola non finisce mai. La vita è scuola, cari ragazzi miei. E la scuola è la cosa più bella che ci sia.

Non vi piace che usi questa parola?

Trasformiamola con "imparare". Suona già meglio, vero? A chi non piace imparare? A chi piace restare mediocre?

Me lo avete sentito pronunciare un macello di volte e penso che vi verrà la nausea nel leggere anche qui questo termine ma sapete quanto sia importante. Siete voi per primi ad avermi insegnato che non bisogna accontentarsi ma che è necessario guardare avanti e afferrare l'arcobaleno. Siete voi che mi avete insegnato a non arrendermi anche nei momenti in cui mi vedevate triste ed affranto. Siete voi che mi avete insegnato ad essere felice e a sorridere per le piccole cose semplici che capitano ogni giorno. Siete voi che avete teso le vostre fragili mani verso di me per aiutarmi. Forse non ne avete idea ma anche io sono fragile quanto voi o forse anche di più.

Come possibile?

Non sono Superman e neanche un personaggio dei libri che scrivo o di quelli che leggete ogni giorno. Sono solo un professore che cerca di fare il suo meglio ogni benedetto momento. Sbaglierò e a volte vedo dai vostri occhi insoddisfazione e delusione ma credetemi, tutto quello che posso, lo faccio. Me l'avete insegnato proprio voi a dare il massimo. Sempre e in ogni occasione. Io ci provo e spero tanto che un pezzettino di me resti nei vostri giovani cuori. Altrimenti avrei fallito e non potrei sopportarlo.

Non preoccupatevi di sentirvi inadeguati. Voi avete già vinto!

«Com'è possibile?», vi starete chiedendo.

Voi avete già vinto semplicemente perché ogni giorno affrontate le vostre paure alzandovi la mattina. Voi avete già vinto perché prima dell'interrogazioni vi "sale l'ansia". Voi avete già vinto perché vi vedo ridere. Voi avete già vinto perché vi vedo litigare. Voi avete già vinto perché vi vedo piangere. Voi avete già vinto perché vi vedo abbracciati. Voi avete già vinto perché vi "rubate" il ragazzo o la ragazza a vicenda. Voi avete già vinto persino quando coprite un vostro compagno. Voi avete già vinto perché avete avuto il coraggio di urlare un "ti amo" sotto la pioggia e persino quando lo sussurrate nel silenzio della vostra camera avete vinto. Voi avete già vinto perché state imparando a vivere. Voi avete già vinto perché siete veri.

Vi prego. Vi prego con tutto il mio cuore di non perdere mai quella scintilla che vedo negli occhi di ciascuno di voi. Quella scintilla che c'è ancora addirittura in quel ragazzo che si sente umiliato e bistrattato da tutti. Quella scintilla che c'è ancora addirittura in quella ragazza che si vede brutta e non accettata. Quella scintilla che c'è ancora addirittura negli occhi di un giovane professore che forse sogna un mondo che non esiste. Un mondo che è scritto nei libri. Un mondo che tutti vorremmo.

E quest'estate non pensate ai compiti, non pensate ai debiti. Pensate ad essere sereni con voi stessi e a trovare quel pizzico di felicità che ancora vi appartiene. Il resto verrà da sé. Pensate a restare veri e a sognare di essere quello desiderate. Perché lo siete. Perché il solo fatto di pensarlo, significa che esiste. E voi esistete.

Vi auguro tutto il meglio. Vi auguro di passare un'estate indimenticabile. Un'estate in cui il sogno si possa mischiare con la realtà. Un'estate che sia un'esplosione di emozioni. Un'esplosione infinita di colori che andranno a tingere il vostro cuore e la vostra anima.

Non tirate una monetina aspettando che cada dall'uno o dall'altro verso. Scegliete voi quello giusto e non abbandonatelo mai. La strada in salita è difficile. È verissimo. Ma raggiungere la meta ci fa respirare aria pura a pieni polmoni. La discesa è facile. Ma più si scende, più fa caldo e più ci sentiamo soffocare.

Siete tutti speciali. E siete tutti bellissimi.

NOI. SEMPRE NOI. PER SEMPRE NOI.